Così mi piace chiamarle queste meravigliose campane: le ciotole dell'armonia.

Ne avevo acquistate diverse, ancora prima della formazione con Albert e mi avevano affascinata da subito, ma durante i seminari con lui ho riscontrato una grande differenza tra i suoni di quelle che già avevo e quelle create  da lui.

 

Le sue ciotole sono così ricche di armoniche, che mi conducono in pochissimi secondi nel luogo più remoto di me stessa. Nel silenzio pieno, all'interno di me, entro in contatto con una parte profonda e ancestrale, come ancestrali sono i suoni che produco vibrandole. Il rapporto che si crea tra me e la ciotola è di fusione totale. Quel punto di congiunzione del batacchio che io muovo sulla superficie della ciotola produce un'alchimia di vibrazioni esterne a me che entrano in risonanza con quelle dentro di me, finché non c'è più spazio tra dentro e fuori, né più alcuna differenza tra me e la ciotola. Vibriamo all'unisono in una dimensione di infinito.

Anche durante il massaggio sonoro che pratico alle persone, vivo qualcosa che va molto al di là della razionalità. Io sono presente nel momento che vivo e i suoni che produco vibrando le ciotole mi collegano pian piano alla persona. Questo processo che si instaura spontaneamente, mi permette di calarmi in un silenzio mentale che mi rende totalmente disponibile all'ascolto dei bisogni più sottili dell'altro.
Ogni volta che termino una sessione sonora, non posso che constatarne gli effetti meravigliosi. La persona rimane in uno stato di profondo rilassamento e benessere e in me rimane una grande pace e un intenso senso di connessione con l’Universo.

Utilizzo le mie ciotole anche per armonizzazioni sonore di gruppo. Gli effetti sulle persone sono notevoli. La ripetizione di queste sessioni è proprio dovuta alla richiesta continua che mi viene fatta. Le esperienze sono diverse da persona a persona e anche diverse per la stessa persona ogni volta che vi partecipa, ma quello che la maggior parte del gruppo, se non tutto, riscontra è la profondità di contatto con una dimensione di benessere ancestrale e verso la quale percepisce un senso di appartenenza dal sapore molto antico.

Sarò sempre grata ad Albert per avermi insegnato a divenire uno strumento che, con il proprio tocco e la propria voce, si collega e si fonde con la grande Armonia.

Rossana Castelluccio (MI)

  348-7313779

"